Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Tag: monotonia

per un Sì

Per un si

Aveva ridotto la sua vita ai minimi termini: lavorare, mangiare, bere, dormire.
Era finalmente un uomo felice!

Il suo pensiero trottolava sul gomito della poltrona, quando s’accorse che a grattare la porta quasi fosse una grattugia, era Leo, il suo gatto, che abbaiava come mai…e insisteva nel dirgli che anche lui, stanco di quella morta monotonia di quella casa, preferiva tornarsene per strada e dire al mondo che abbaiava, piuttosto che stare lì a fingere di miagolare anche solo per un Sì.

Daniela Schiarini

Cura “d’urto”.

 

“Uno vive così, protetto, in un mondo delicato, e crede di vivere.  Poi legge un libro (L’amante di Lady Chatterley, per esempio), o fa un viaggio, o parla con Richard, scopre che non sta vivendo, che è ibernato.

I sintomi dell’ibernazione sono facili da individuare: primo: inquietudine, secondo (quando l’ibernazione diventa pericolosa e può degenerare nella morte): assenza di piacere. Questo è tutto. Sembra una malattia innocua. Monotonia, noia, morte. Milioni di uomini vivono in questo modo (o muoiono in questo modo), senza saperlo.

Lavorano negli uffici. Guidano una macchina. Fanno picnic con la famiglia. Allevano bambini.

Poi interviene una cura “urto”, una persona, un libro, una canzone, che li sveglia, salvandoli dalla morte.”

Anais Nin

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: