Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Tag: mM

.trame

catrin welz stein

catrin welz stein

 

*

trame lucenti

aria di primavera

pensieri alati

mM

…verso la montagna

anima splende
di-versa in montagna
vanitoso dì

 

mM

mM

montagne icrespate
orlate di nuvole
mattino verdeacqua

 

mM

mM

l’erba-foglia
si veste al mattino
mistico intento

 

mM

mM

Una poesia come nasce?

Maria Coma

Maria Coma

 

Di giorno
al mattino
.l’urlo irrompe
inaspettato e crudo
quando la notte
.saluta l’alba

la poesia nasce
dal naturale
_sfiorare_
di un recipiente
accanto al fuoco
.dove l’indice
indica il punto

e lo tocca.

mM

Volli, fortissimamente volli

In un paese vicino alla mia città si crea un pizzo con la forcella dei capelli.
Mi capitò un giorno di passare in una sera d’estate e vedere fuori dalla porta della loro casa delle donne che lavoravano all’uncinetto.

Incuriosita mi fermai e ….spettacolo!
Lavoravano si, con l’uncinetto…ma accompagnati da una forcella per capelli.

IMG_20140314_171605
Da questa lavorazione ne venivano fuori delle lunghe strisce molto belle, leggere e elastiche.

mM

mM

Questa trina, chiamiamola così andava ripresa con l’uncinetto e unita con fantasia fino a ricavarne dei propri e veri capolavori.
La cosa mi attirò così tanto che volli imparare a tutti i costi.
Ecco:

mM

mM

(io ho usato una graffetta)

Ma quello che volevo sapere era come era nata questa cosa…so è una tecnica molto antica, in vigore nell’800 in Europa ma come sia arrivata qui resta un mistero.

Vista

Mani

*

.la “vi (s) ta” tattile

*

mM

.vado

Vado

 

Prendo la penna ma 
.messa davanti a un foglio di carta non scritto provo a disegnare il tanto e il nulla che vivo ma non sempre ci riesco
  . mi allontano per un pò .per raccontarmi sul reale…

A presto .qui

mM

 

PS: grazie sempre a chi seguo e a chi non seguo anche se presente. Grazie

Sospesa

Laura Scarpa

Laura Scarpa

*

.sospesa
guardo
il cielo
.in assenza
del mare

*

mM

.ferma!

RosaM

RosaM

Ferma!

Non correre, torna indietro!

.la donna uscì di corsa da dietro il bancone. Le persone avevano assistito ad una scena senza poter fare niente per fermarla .erano due le donne e una non correva, camminava avanti a testa basta indecisa se correre, camminare o fermarsi

.venga qui… urlavano  nel mentre le persone che aspettavo davanti al banco di essere servite – mentre l’ambulante quasi non si vedeva più….

“venga paghiamo noi il pane alla Signora” .insistevano.

.e c’era già chi diceva della crisi, che la gente ha fame, che l’avrebbero pagata loro la pagnotta…

.intanto la venditrice tornava al banco in compagnia della signora ladra.

.signora! signora! .pago io il pane, la lasci andare, diceva una .e l’altra di rinforzo “guardi ne prendo anche un’altra” la lasci non vede che sta per piangere?

“.no, care signore! e rivolgendosi alla .ladra disse:  “Signora ma lei lo sa che non si ruba? Lo sa che se lei me l’avessa chiesta le avrei dato il pane che voleva? .non accetto che mi si rubi il pane! .io e mio marito ci alziamo alle quattro, andiamo a prendere il pane da cinque panifici diversi, veniamo qui in piazza, montiamo il banco, la tenda, sistemiamo la merce per le otto .sacrifichiamo tanto sa?

. nel mentre la “ladra” a testa basta piangeva .grossi lacrimoni scendevano più o meno dritti a causa delle rughe .zitta, non parlava e con la mano porgeva il pane all’ambulante .restituendolo

.continuavano a gridare le altre .”Paghiamo noi, la lasci andare! .poverina così la mortifica! La lasci stare….

.io e Mara non sapevamo che fare .che dire .difficile vedere Mara stare. zitta

.la signora ad un certo punto spinse la mano della .ladra con il pane in segno di resa .lo tenga, le disse, ma non rubi mai più: quando vuole viene e mi chieda pure il pane, ma non lo prenda come una .ladra

.e ora si asciughi le lacrime –  continuò – porgendole uno scottex.

mM – storia vera

Auguri

Albero ecologico

 

*

Auguri

*

.mM

Il burro e la salvia

 Svetlana Zdrnja

Svetlana Zdrnja

Mara:    Pronto .marta?

.marta: Si, che c’è?

Mara:   Scusa ma dove sei?

.marta: dove vuoi che sia? Lo sai bene compro il burro e la salvia, me lo hai detto tu…

Mara :   spicciati, scommetto che stai a leggere le etichette compresa la marca di tutti i tipi di burro presenti nello scaffale….ma dai, su…

.marta: arrivo, arrivo ma che noia che sei! Perchè non esci tu allora? Lo sai se il burro non  prodotto in Sardegna non lo compro! Comunque sono in fila alla cassa e arrivo…

Mara:    senti un po’ visto che sei in fila…in mezzo al libro ” Dio non gioca con i dadi”,  ho trovato una fotografia…

.marta: fotografia?!! Ma che guardi! Scusa non puoi aspettare che arrivo? Che ti metti a guardare tra le mie cose?

Mara:   ……  c’è una tipa, mai vista prima, che indossa l’abito della foto di qualche giorno fa, ricordi? Quello appeso alla parete….

(.marta alza gli occhi al cielo, muta  e scappa un pensiero o meglio una parola: oh c….volo!)

.marta: si embè, qual’è la domanda precisa precisa, eh…qual’è?

Mara:   chi è ‘sta tipa?….non mi dire che…….perchè io non l’ho mai vista e non vorrei che fosse chi sto pensando. Perchè se è così la faccenda è molto grave!      Gravissima!

.marta: Che c’entra il tuo pensiero  ora….con la tizia sulla foto! … se non l’hai mai vista!A parte che nella foto erano solo prove di costume, diciamo…perchè non è carina?….scusa ma ora tocca a me, te l’ho detto che sono alla cassa…
Non iniziare a farti venire strane idee, eh…tranquilla perchè lì ancora non s’era pettinata ma quel vestito le stava di un bene….! Non iniziare a criticare….we dico?  hai visto che pelle bianca?

Metti su l’acqua della pasta che arrivo!

mM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: