Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Tag: autismo

Nora e il bambino che non aveva ombra di Lucia Piombo

Ivan Terestchenko

Ivan Terestchenko

La storia di Nora e del suo bambino è un cammino a due, verso la luce. Un cammino difficile e doloroso, ma non per questo privo di gioie, di piccole e importanti vittorie.

.di passi…
.passetti piccoli
.e strade

 Leggendo questo libro mai ho avuto la sensazione della pena.

Mai la protagonista s’è lasciata andare alla commiserazione. E  forse questo ne ha determinato la forza. Un racconto di vita, ma anche un racconto che si fa poesia. La più alta, perché colma di emozioni, attimi intimi affrontati nella “notte nera di seppia”.

Alla fin fine è una battaglia con se stessa, ma che guerriera! Splendida mamma riflessa negli occhi del suo bambino, che diventa bambina essa stessa. Tutto si ricorda nei dettagli.

Perché la forza per trasmettere amore sta anche nei dettagli. Nella lunga osservazione

.sguardi
.gesti
.silenzi

Nora imparerà che non può farcela da sola. Nora imparerà serrando i pugni che per lei e il suo bambino la famiglia è da rivalutare. Giorgio qui insegna. E Nora risponderà.

E’ un diario il libro di Lucia Piombo – Nora e il bambino che non aveva ombra – il diario della vita di una persona, Giorgio, di una intelligenza e una sensibilità non comuni.

.vede

.percepisce

.sente ogni minimo spostamento di emozioni.

 

Mica normale, questo. 

Perché, diciamolo, i bambini come Giorgio sono speciali.

mM

Lucia Piombo tiene un blog: http://poetella.wordpress.com//?s=Nora+e+il+bambino+che+non+aveva+ombra&search=Vai

…a spasso di memoria

Muto da bambino, passava tutto il tempo a disegnare. La soluzione a questo problema pensata da qualche genio nella sua scuola è stata quella di portargli via gli strumenti da disegno e in effetti Stephen ha parlato.

La sua prima parola e’ stata “carta”.

Nell’ottobre 2011 Stephen Wiltshire è salito a bordo di un elicottero per avere una vista panoramica di New York.

Stephen

L’artista britannico, a cui all’età tre anni gli era stato diagnosticato l’autismo, ha poi riprodotto su tela al Pratt Institute lo skyline della Grande Mela grazie alla sua memoria eidetica.

Stephen Wikipedia

Stephen Wiltshire guarda per pochi minuti un luogo e poi lo riproduce nei suoi disegni con uno sconcertante grado di realismo.

Interi panorami urbani sono ritratti nella loro complessità come se l’artista stesse riproducendo quegli spazi osservando una fotografia o si trovasse di fronte a loro. A guardare le sue opere si ritrova una straordinaria apertura verso il mondo.

S. Wiltshire

Vogliono cogliere ogni dettaglio, abbracciare ogni curva, includere ogni angolo e portare alla luce ogni ombra.

Disegni così realistici da apparire immagini reali.

http://en.wikipedia.org/wiki/Stephen_Wiltshire

http://www.verascienza.com/il-mistero-della-mente-dei-savant

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: