Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Mese: giugno, 2014

Il problema dei bruscolini

Si chiama Andrea, ha 25 anni, una Laurea Triennale in Fisica e un’inclinazione alla scrittura.

Ecco, penso che approffitterò di lui per chiedere spiegazioni su vari problemini riguardanti wp e altro.

E’ bene chiarire subito: diventerò un’opportunista 😀

 

 

 

(Il pesce di Erwin)

Se c’è una via più facile, veloce e che non richieda troppa fatica rispetto a quella attuale, allora un fisico medio la troverà. Essendo io un medio, una via per quanto riguarda un problema che ho dovuto affrontare, per l’appunto, l’ho trovata.
In un corso di laboratorio infatti mi sono ritrovato a dover gestire matematicamente e graficamente una mole di 3000 dati. Bruscolini se paragonati ai grandi esperimenti internazionali, ma comunque abbondantemente sufficienti a far diventare vecchi se trattati alla vecchia maniera di penna e carta.
Essendo questo impensabile, mi sono impratichito un po’ con il C++ per capire come stampare su un file di tipo .txt i dati elaborati dal programma perché potessero poi essere gestiti da un altro software per una loro rappresentazione grafica. Naturalmente nel file di testo si può scrivere qualunque cosa e il procedimento che qui espongo è del tutto generale.

Senza ulteriori giri, il…

View original post 226 altre parole

.trame

catrin welz stein

catrin welz stein

 

*

trame lucenti

aria di primavera

pensieri alati

mM

Suedehead

*

Morrisey

Cercavo una musica

ho trovato questa

Diritti civili

 

Chi decide il futuro sono i diritti civili

 

 

Alcol75

Alcol75

 

 

 

“[…] Penso che le svolte di una società non dipendano dall’ economia. Per carità, ottanta euro in più in busta paga aiutano, ma non cambiano l’esistenza, soprattutto se te le riprendono attraverso una partita di giro. Contano i risparmi pubblici, si faccia la spending review; conta eccome il lavoro, avanti con il jobs act; ma a decidere il futuro sono i diritti civili.
Ho abitato in un attico a Manhattan e in una soffitta a Torino, ho avuto soldi e avuto debiti, la mia felicità non è mai stata proporzionale ai metri quadrati o all’ estratto conto. A determinarla è stata la vita di relazione, è stata il grado di libertà che ho avuto. Un Paese non progredisce con il Pil, ma con le possibilità che concede.

Due schieramenti politici, quelli che per pigrizia chiamiamo destra e sinistra, non si differenziano perché la pensano diversamente su tasse e ambiente, ma per come intendono la vita e il diritto di affrontarla, fino in fondo. […]“

 

Le Divinità della Fine, Gabriele Romagnoli sull’eutanasia

30 anni di musica

*

paolo fresu quintet

*

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-db21eb46-e9b6-4485-b970-b83a3941fd22.html

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: