Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Mese: settembre, 2013

prova d’autore

Cesare Zocchi

Cesare Zocchi

Quel ritratto di me prima di me. Opera.

Leggere riflettere scrivere

 
 

    quel ritratto di me prima di me

    – lei che sognava chi mai fossi io
    e prestava alfa-beta all’emozione
    lei che raffigurava l’indefinizione :
    io figlio e fantasia la madre –

    sul mercato non ha grande valore
    ma copia autentica: era prova d’autore

 
 
 

View original post

The Winter

balmorhea

Opera

Ed Clark

Ed Clark

 

“Siamo, tutti quanti, plasmati e riplasmati dalle persone che ci hanno amato e, anche se tale amore può svanire, restiamo nondimeno opera loro – un’opera che molto probabilmente esse neppure riconoscono, e che mai ne riflette esattamente le intenzioni”.

F.Mauriac, “Le désert de L’amour”

Il libraio di Selinunte

roberto vecchioni

.concerto per me

R. Vecchioni e gli Istentales

R. Vecchioni e gli Istentales

.eppure non ci volevo andare
non volevo fare tardi .polemica .stanca. insofferente alla folla .caldo e poi freddo .e poi i piedi
…poi alla fine la mia amica mi trascina .e mi lascio trascinare e scusa mica solo quando piace a te .fammi compagnia, no?

.e andiamo

.avete notato le coppie formate da un lui molto alto e lei minuta che i capelli arrivano al petto di lui? .be, se li volete vedere non c’è occasione più ideale di un concerto
.che di regola, non scritta è chiaro .le persone più alte dovrebbero stare dietro .ma si può non far vedere al meglio il concerto alla ragazza?
e allora, via…! Tutti davanti..
E tu che stai nel mezzo nè alta ne bassa…a dondolare tutta sera .quasi per poter vedere il cantante tra un bacino .un profilo .una coccola

.e andiamo anche stavolta

.la musica sta anche nella potenza delle casse .quelle che ti fan battere il cuore .che se anche non batte di suo lo senti bello accelerato con rimbombo sino ai piedi .
.le note le senti dentro .scorrono nelle vene insieme all’ossigeno e allora non sei più lì .anche gli articoli “i” sono scomparsi . non  interessa più vedere il palco .basta sentire

.e il concerto è tutto per me

.il piede batte
.il corpo dondola
.le mani s’incontrano
e fanno l’onda in assenza di vento

e sono dentro la canzone

A presto dice Vecchioni e si commuove .lui
che a 70 anni il palco ancora lo ringiovanisce

mM

listening wind

talking  heads

.

 Il vento nel mio cuore

la polvere nella mia testa

Vedere Chiaro

Yushimoto

Yushimoto

Tutta la poesia è luminosa, persino
la più oscura.
È il lettore che ha talvolta,
al posto del sole, nebbia dentro di se.
E la nebbia non permette mai di vedere chiaro.

Se ritornerà
un’altra volta e un’altra volta
e un’altra volta
a queste sillabe infiammate
rimarrà cieco da tanto chiarore.
Sia felice se arriverà.

E. De Andrade

UNA VITA DA HOBO

Nessuno è in condizioni di conoscere la vita meglio della popolazione migrante.

ZID INFORMACIJE

« Hobo non è solo un lavoratore nomade, è anche uno che si gode la vita, un superstite del romanticismo. Nutrito di un immaginario potente, impersona la figura del pioniere, dell’esploratore»

Così Franck Michel presenta la figura dell’HOBO, un vagabondo, un senzatetto, una persona che viaggia, libero da tutto e da tutti, alla ricerca di risposte che non ha scovato in una vita precedente. Si lascia tutto alle spalle, la bella vita, le comodità, pronto ad abbracciare la SEMPLICITA’. Una vita semplice, fatta di viaggi ed avventure, come si trova nei libri, anche lui hobo, dello scrittore  Jack London, o avvicinandoci ai giorni nostri, in quelli del “ribelle” Jack Kerouac, con il suo capolavoro e manifesto della Beat Generation, il libro On The Road.

Immagine

La cultura hobo nasce alla fine dell’800 in America e i primi vagabondi sono stati dissocupati ed orfani…

View original post 263 altre parole

E un giorno…

g u c c  i n i

E un giorno cammini per strada e ad un tratto comprendi

che non sei la stessa che andava al mattino alla scuola,

che il mondo là fuori t’aspetta e tu quasi ti arrendi

capendo che a battito a battito è l’età che s’invola..

.il viso

Masao Yamamoto

Masao Yamamoto

Il giorno sgomita
.la notte
e
 va via
.a metà

riciclante

l’altra parte
.nasconde il viso
dietro
il cuscino

mM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: