Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Mese: agosto, 2013

I piedi

Chiaradellago

Chiaradellago

 

 

grazie
di portarmi la testa
altrove.

 

Lorenzo Zanini

Annunci

Giusto per rincarare la dose

Ah…dopo una giornata pesante, un pensiero costante su questa guerra incombente….un pò di questa bella musica è quel che ci vuole
Buon domani a tutti….

.marta

29 agosto

Mi sono emozionata….che bel sorriso la mamma!

ripullulailfrangente

Correva l’anno XI dell’era fascista (1933), il giorno 29 di agosto.
Probabilmente in casa, come era solito in quel tempo far nascere i bambini, probabilmente in una calda e umida giornata estiva milanese, nasceva nelle “case minime” di via Zama a Milano dove un tempo era la cascina Trecca, il settimo di nove figli di una famiglia popolare.
Il mio papà 1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un’infanzia vissuta in libertà, in strada, perché forse i genitori poveri di numerosi figli non potevano o non sapevano essere così assidui verso i figli come lo sono i genitori di adesso.
Un’infanzia vissuta in libertà, in strada, fino a far diventare il milanese la sua lingua pur avendo genitori pugliesi.
Perché allora a Milano le persone parlavano il dialetto. E quando ero più grande questa parlata dialettale milanese, sua e dei suoi fratelli, mi faceva strano se pensavo alle origini.

View original post 157 altre parole

Alice

francesco de gregori

“…e Cesare perduto nella pioggia
sta aspettando da sei ore il suo amore ballerina
e rimane lì
a bagnarsi ancora un po’
e il tram di mezzanotte se ne va
ma tutto questo Alice non lo sa…

“Forse non tutti sanno che nella canzone Alice, Francesco de Gregori fa un riferimento abbastanza esplicito a Cesare Pavese. Si riferisce ad un episodio reale accaduto al giovane Pavese, ancora studente al ginnasio. È in questo periodo che si innamorò di una cantante ballerina che lavorava al caffè-concerto “La Meridiana. Una sera prende il coraggio e le dà appuntamento per le sei del pomeriggio avendo avuto l’impressione nei giorni precedenti di risultare simpatico alla ragazza. Alle sei in punto il giovane è in attesa, ma la cantante non arriva né alle sei, né alle sette. Poi alle undici comincia a piovere e Cesare è sempre lì che aspetta e decide di tornarsene a casa solo a mezzanotte prostrato nel morale e nel fisico. Gli verrà pure una pleurite che lo costringerà a casa per tre mesi.”

 

Il testo è stato copiato da qui:  http://www.daneel59.altervista.org/pavese.htm

.avanti

bai.zamir

bai.zamir

Grazie

grazie alla vita che mi ha permesso di avere tanto

e ciò voglio ricordare

.null’altro

 per questo .riesco ad andare .ancora

.avanti

mM

Sunset

enzo favata

…bip

Porticciolo - Alghero

Porticciolo – Alghero – Danilo Fiori

 

 

 

Settembre è un mese dolcissimo.

I turisti sono andati via . quasi tutti

E ti capita di andare in spiaggia . al mare e di essere sola davanti a quest’acqua quieta .silenziosa .brillante .consolatoria

E allarghi le braccia .non riesci a star seduta .la riva è tua .i sassi .le conchiglie .la collina alle tue spalle . i legni levigati .tracce di bipedi e quadrupedi .cormorani silenziosi

.e respiri

di quei respiri profondi che vorresti prolungare all’infinito .non vorresti andare via quando l’ora del tramonto s’avvicina

E il ritorno a casa in auto prolunga l’ora .sei piena .negli occhi davanti vedi ancora l’acqua .ai lati della strada gli oleandri in fiore ti accompagnano rendendo il cammino più leggero .lo stacco non è duro .nella gialla campagna il fieno arrotolato .ancora aspetta .i cartelli ai lati .alghe luccicanti

E non sei ancora nel mondo .sei altrove .la radio è spenta .il silenzio è prezioso .ora

Bip  .messaggio.

Esci stasera?

mM

storia mi(mo).nima

   zizi jeanmaire &  marcel marceau

..post a durata limitata

Gli italiani sono circa un terzo dei tre milioni di turisti sessuali a “caccia di minorenni” in tutto il mondo e hanno dai 20 ai 40: depravati per scelta, non perchè sono malati.
L’Ecpat sottolinea infatti che il 95% delle persone lo fa per provare un’emozione nuova, in modo occasionale (60%), oppure abituale (35%).
Padri di bambini, famiglia normale, gita domenicale. Iposcrisia allo stato puro.
Lo schifo non ha confini, non ha nazionalità…
Ma nessuno ne parla.

Stasera non c’è la faccio a leggere i vostri post nè tanto meno a pubblicare niente.
Questo quaderno è nato per ritagliarmi un angolo di bellezza, raccogliere le cose che mi piacciono che amo…ma a volte è pesante stare sul web perchè si viene a conoscenza di fatti che appesantiscono l’animo.

Tra qualche giorno questo post verrà cancellato. Non dalla mia memoria.

I will survive

musica nuda

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: