Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Mese: dicembre, 2012

Caffè

12

Leggenda vuole che, nel IX sec., un pastore Etiope si incuriosisce osservando come le sue capre diventavano più vivaci dopo aver mangiato le bacche della pianta del caffè.

Provò egli stesso a masticarne i semi. Subì egli stesso un’effetto energizzante. Lo scoprirono anche i Monaci….

E così, dopo cinque secoli, anche noi ne subiamo lo stesso effetto.

Viva il caffè e la capra che lo scoprì!

C’è tempo

Ivano  Fossati

Un terra senza sentieri

hklio

« Ritengo che la Verità sia una terra senza sentieri e che non si possa raggiungere attraverso nessuna via, nessuna religione, nessuna scuola. Questo è il mio punto di vista, e vi aderisco totalmente e incondizionatamente. Poiché la Verità è illimitata, incondizionata, irraggiungibile attraverso qualunque via, non può venire organizzata, e nessuna organizzazione può essere creata per condurre o costringere gli altri lungo un particolare sentiero. Se lo comprendete, vedrete che è impossibile organizzare una “fede”.

La fede è qualcosa di assolutamente individuale, e non possiamo e non dobbiamo istituzionalizzarla. Se lo facciamo diventa una cosa morta, cristallizzata; diventa un credo, una setta, una religione che viene imposta ad altri.

U.G. Krishnamurti

Alles beim Alten

Cafe Jazz

…musiche mute…

dino-buzzati-007
“Non ci saranno più parole, lo sai,
né qui, né altrove,
né parole a dire ciò che è stato
né parole a dire ciò che non è più.
Mi resta un pacco mai spedito
e un libro desiderato.
Mi resta un letto non ancora disfatto
e musiche mute e parole strozzate
e immagini sfocate, e
mi resta la sciatta e affrettata gentilezza
di una conversazione lampo,
moneta di latta
da gettare ai pezzenti per strada.”

– Evgenij Aleksandrovič Evtušenko

Pharaoh’s Dance (1\3)

M i l e s    D a v i s

Auguri

Costume sardo
Un brindisi per tutti voi per un cammino pieno di luce.
Auguri

I tuoi passi non fanno rumore,
tu sì passeresti accanto alla tigre senza svegliarla.

Bullit

Lalo Schifrin – Main Titlte

Io lo provai.

tyo

L’uomo ha un bel guardare ed abbracciare lo spazio; la natura intera non si compone per lui che di due o tre punti sensibili, ai quali tutta la sua anima converge.

Togliete dalla vita il cuore che vi ama: che cosa vi resta? Ugualmente avviene della natura. Cancellate il luogo e la casa che i vostri pensieri cercano e che i vostri ricordi popolano, non scorgereste più che un vuoto immenso in cui lo sguardo s’immerge senza trovar né fondo né riposo.

Come si può stupire, dopo ciò, che le scene più sublimi della creazione siano contemplate con occhi ben diversi dai viaggiatori? Gli è che ciascuno porta con sé il suo punto di vista. Una nube sull’anima vela e scolora più di una nube sull’orizzonte.

Lo spettacolo è nello spettatore. Io lo provai.
Alphonse de Lamartine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: